Privacy|Chi Siamo|Contatti|Collabora|Pubblicità

MICHELANGELO. AMORE E MORTE. Il trailer

Uomo dall’energia straripante, ossessionato dall’arte, complesso, fragile, assolutamente geniale. Michelangelo Buonarroti (1475-1564), la sua esistenza tormentata e burrascosa e il suo eccezionale talento saranno i protagonisti dell’ultimo docu-film, con immagini in alta definizione, della stagione 2017 della Grande Arte al Cinema. Michelangelo. Amore e morte, che arriverà nelle sale per tre giorni, solo il 19, 20 e 21 giugno (elenco cinema su www.nexodigital.it) propone infatti un viaggio cinematografico attraverso le opere, i musei e i luoghi fondamentali della vita del Buonarroti: Firenze naturalmente, e poi Roma e la Città del Vaticano.

Diretto da David Bickerstaff e prodotto da Phil Grabsky, il docu-film si snoda attraverso le opere più antiche, come i rilievi marmorei della Madonna della Scala e della Centauromachia conservati a Casa Buonarroti, introdotti da Alessandro Cecchi, per passare poi ad analizzare il Crocifisso di Santo Spirito in legno policromo, mostrando la cura con cui l’artista, ancora giovanissimo, riesce a descrivere l’anatomia del Cristo. Il documentario conduce quindi alla scoperta dei grandi capolavori pittorici, dal Tondo Doni degli Uffizi alla Deposizione di Cristo nel sepolcro della National Gallery, dalla volta della Cappella Sistina al Giudizio Universale, e approfondisce il delicato e appassionato tema del non finito che caratterizza molte delle opere dell’artista.

Il regista propone, inoltre, un excursus al Victoria and Albert Museum di Londra dove Holly Trusted, Curatrice del Dipartimento Sculture del museo, ci accompagna nell’Italian Cast Court, ora ribattezzata Weston Cast Court, dove spicca la copia in gesso del David di Michelangelo, realizzata da Clemente Papi nel 1850 e destinata alla formazione di studenti d’arte. Tra gli altri luoghi del film si annovera anche il Dipartimento delle arti figurative occidentali dell’Ermitage (di cui conosciamo il responsabile Sergej Androsov), dove si trova il Ragazzo accovacciato in marmo, attribuito a Michelangelo solo in epoca recente.

Michelangelo. Amore e morte offre la possibilità di conoscere i bronzi Rothschild, nudi virili in bronzo che cavalcano due pantere. Appartenute ai banchieri Rothschild, le due sculture sono state attribuite al Maestro e sarebbero gli unici bronzi michelangioleschi sopravvissuti ai secoli, come spiega Victoria Avery, Conservatrice di Arte Applicate del Museo Fitzwilliam di Cambridge.

Tra le testimonianze raccolte dal regista ci sono, pure, quelle degli storici dell’arte Martin Gayford, Jonathan Jones, Jennifer Sliwka e Cristina Acidini, quella del delegato per i dipartimenti scientifici e i laboratori di restauro dei Musei Vaticani, Arnold Nesselrath, e quella dell’artista Tania Kovats.

1|2|3|4|5
L’Ara Pacis com’era. Un innovativo archeoshow
visto 1440 volte
21/06/2017
"Il labirinto di una vita", dedicato a Alain Daniélou
visto 2705 volte
16/06/2017
MICHELANGELO. AMORE E MORTE. Il trailer
visto 2732 volte
12/06/2017
Gli incontri di Bed and Art \ Massimiliano Gioni
visto 4359 volte
05/06/2017
Il Cacciatore Bianco, Centro per l'Arte FM, Milano
visto 2410 volte
03/06/2017
MAURIZIO CATTELAN: BE RIGHT BACK - IL FILM
visto 9071 volte
30/05/2017
Il Teramo Comix & Games 2017
visto 3744 volte
29/05/2017
e inoltre...
1doc / Chiara Bertola, Premio Furla 2011- intervista
28/01/2015
2Ettore Favini - Condividere è connettere a cura di Marcello Smarrelli
05/10/2012
3Bologna Artelibro 2010 / TanoDamico
26/09/2011
4Bologna Artelibro 2010 / PaoloTonini
26/09/2011
5Bologna Artelibro 2010 / Cesare Segre
26/09/2011
ultimi commenti
cesare pietroiusti
sessantottomilaquattroc
entodiciotto persone
hanno visto questo
video??suggerisco
urgente revisione d...

25/12/2015 11:12
Filippo
Ma con Azzurra Salati
si fa facile

20/10/2015 14:32
rss
come si usa