Privacy|Chi Siamo|Contatti|Collabora|Pubblicità

L’Ara Pacis com’era. Un innovativo archeoshow

Sta riscuotendo da mesi un grande successo L’Ara com’era, la visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis riproposta in una versione ancora più coinvolgente grazie all’integrazione tra computer grafica, realtà virtuale e aumentata.

Dal 1 luglio cittadini e turisti avranno l’occasione di assistere all’innovativo archeoshow sull’Ara Pacis e sulle origini di Roma ogni venerdì e sabato, dalle 20.45 alle 24.00 (ultimo ingresso ore 23). Si conferma la possibilità, riservata a gruppi, di prenotare la visita in tutti i giorni della settimana..

Il progetto, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e organizzato da Zètema Progetto Cultura, è stato affidato a ETT SpA. Il coordinamento, la direzione scientifica, i testi e la sceneggiatura sono a cura della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. L’interpretazione dei personaggi è affidata alle voci di Luca Ward e Manuela Mandracchia.

In un racconto che unisce storia e tecnologia, L’Ara com’era è il primo intervento sistematico di valorizzazione in realtà aumentata e virtuale del patrimonio culturale di Roma Capitale, nello specifico di uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, costruito tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare la Pace instaurata da Augusto sui territori dell’impero. Lanciato il 14 ottobre 2016, l’innovativo racconto sull’Ara Pacis e sulle origini di Roma è stato ulteriormente potenziato dal 20 gennaio 2017: due nuovi punti d’interesse in realtà virtuale, che combinano riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, consentono una completa immersione nell’antico Campo Marzio settentrionale dove è possibile assistere alla prima ricostruzione in realtà virtuale di un sacrificio romano. Un’implementazione che arricchisce la narrazione e crea un impatto emozionale più profondo con il pubblico. I visitatori sono catapultati indietro nel passato per riviverlo da una posizione privilegiata. Immersi in un ambiente a 360° è possibile ammirare l’Ara Pacis mentre ritrova i suoi colori originali: una “magia” frutto di uno studio sperimentale realizzato dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali nel corso di oltre un decennio che ha portato a una ricostruzione ipotetica, ma con la massima approssimazione consentita.

Il colore non è la sola sorpresa ad accogliere i visitatori che possono ‘galleggiare’ in volo sull’altare, planare sul Campo Marzio e assistere al sacrificio, compiuto da veri attori, rimanendo sempre al centro della scena.

INFO: 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00); www.arapacis.it; #ARAcomera

L’ingresso è organizzato in piccoli gruppi contingentati. I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni. Durata circa 45 minuti. Disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco.

1|2|3|4|5
Arriva al cinema in Italia "Hokusai dal British Museum". Ecco il trailer
visto 3880 volte
25/07/2017
Cross the streets. Al MACRO 40 anni di Street Art e Writing
visto 1497 volte
23/07/2017
Contemporary Locus 12 - Ex Albergo Diurno, Bergamo
visto 3268 volte
10/07/2017
L’Ara Pacis com’era. Un innovativo archeoshow
visto 5550 volte
21/06/2017
"Il labirinto di una vita", dedicato a Alain Daniélou
visto 7351 volte
16/06/2017
MICHELANGELO. AMORE E MORTE. Il trailer
visto 5062 volte
12/06/2017
Gli incontri di Bed and Art \ Massimiliano Gioni
visto 6261 volte
05/06/2017
e inoltre...
1doc / Chiara Bertola, Premio Furla 2011- intervista
28/01/2015
2Ettore Favini - Condividere è connettere a cura di Marcello Smarrelli
05/10/2012
3Bologna Artelibro 2010 / TanoDamico
26/09/2011
4Bologna Artelibro 2010 / PaoloTonini
26/09/2011
5Bologna Artelibro 2010 / Cesare Segre
26/09/2011
ultimi commenti
cesare pietroiusti
sessantottomilaquattroc
entodiciotto persone
hanno visto questo
video??suggerisco
urgente revisione d...

25/12/2015 11:12
Filippo
Ma con Azzurra Salati
si fa facile

20/10/2015 14:32
rss
come si usa