Privacy|Chi Siamo|Contatti|Collabora|Pubblicità

Tutto l'inizio, la fine

In una società che si costruisce  su un infinità di regole ma dove non si tiene conto dell'etica dell'individuo 
l'arte ha il ruolo importante dell'interpretazione, della denuncia, ma anche e soprattutto della protezione delle cose essenziali. 
TUTTO L'INIZIO E LA FINE è l'opera di Giovanni Gaggia per la rassegna "la superficie accidentata" di Fourteen ArTellaro.
Il lavoro si articola in più incontri e più frammenti che vanno a costituire un unico corpo che occupa a sua volta più spazi come fosse elemento liquido.

Una parte di questo è ciò che si rivela nell'installazione per l'essenziale white box per l'arte contemporanea di Tellaro.
Lì si va a comporre, come la tela di un ragno, la rete del pescatore Gianni, residuale  di una storia.
La stessa rete che utilizzava nel suo quotidiano rapporto col mare, tessuta nuovamente con le mani e le parole che l'artista e il pescatore hanno intrecciato in questi giorni di incontri a Lerici.
La cucitura e la sutura su cui Gaggia elabora ormai da tempo il suo rapporto con l'arte e il dialogo con l'uomo si fa riparazione delle reti da pesca come incipit di un rapporto tra l'essere e l'infinita simbologia del mare, dove tutto torna, rimescolando al tutto il passaggio dell'esistenza.
Ne emerge un dialogo intimo che è la storia di un'esistenza e i rapporti che intercorrono tra l'uomo e il mare come elemento primario levigato dal tempo e sviscerato nelle parole.
Dialogo che si fa suggestivo eco che si dipana tra le maglie della rete nel piccolo spazio di Fourteen.
Le immagini registrate non vanno a integrare l'opera presentata nello spazio ma vanno a comporre l'opera video presentata in esclusiva sul nostro canale per l'arte di Exibart. Questo è il secondo tempo, parte del corpo che si fa parte dello stesso elemento d'insieme.
Tutto l'inizio, la fine è sostanza senza forma, è acqua di tutti e di nessuno. È qui che traiamo sostanza di vita ed è qui che tutto si rimescola.

Giovanni Gaggia | TUTTO L'INIZIO E LA FINE 22 giugno / 6 luglio
Presentato presso lo spazio Fourteen ArTellaro, Piazza Figoli, 14 Tellaro di Lerici (SP)

Rassegna  La superficie accidentata  a cura di Gino D'Ugo

Iscriviti al canale per non perdere le ultime news !
https://bit.ly/2HLvqbj
1|2|3|4|5
Futura Poesia. Performance inedita di Reverie all’Estorick Collection di Londra
visto 2059 volte
16/11/2018
StreetScape7, Arte in movimento
visto 791 volte
16/11/2018
Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e di luce
visto 1224 volte
14/11/2018
Michelangelo Pistoletto. Origins and Consequences. L’anteprima di Alberto Fiz
visto 2093 volte
09/11/2018
Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e di luce
visto 1822 volte
07/11/2018
Artissima 2018 | I saluti della Direttrice Ilaria Bonacossa
visto 3344 volte
03/11/2018
Perchè Artissima? Rispondono i galleristi
visto 2829 volte
03/11/2018
e inoltre...
1doc / Chiara Bertola, Premio Furla 2011- intervista
28/01/2015
2Ettore Favini - Condividere è connettere a cura di Marcello Smarrelli
05/10/2012
3Bologna Artelibro 2010 / TanoDamico
26/09/2011
4Bologna Artelibro 2010 / PaoloTonini
26/09/2011
5Bologna Artelibro 2010 / Cesare Segre
26/09/2011
ultimi commenti
cesare pietroiusti
sessantottomilaquattroc
entodiciotto persone
hanno visto questo
video??suggerisco
urgente revisione d...

25/12/2015 11:12
Filippo
Ma con Azzurra Salati
si fa facile

20/10/2015 14:32
rss
come si usa